Sardegna mi aspettavi al varco

Domani sarà una giornata importante. Niente escursioni questo fine settimana, si vola (io e Amleto, ovviamente!) a Cagliari!

Incomincerò un corso professionale da Guida Trekking (e lo scrivo maiuscolo) e al superamento dell’esame (corna facendo!) avrò un titolo valido in tutta Europa e il Tesserino Tecnico CSEN, riconosciuto a livello nazionale dal Coni e dal Miur, dal Ministero degli Interni e delle Politiche Sociali.

Di tutti i corsi di perfezionamento, ho scelto questo per il patrocinio del Coni, perchè chi meglio della maggiore istituzione sportiva italiana può giudicare una formazione da guida escursionistica?

E (incredibile ma vero!) Cagliari è più facilmente raggiungibile di Lucca, dove si tiene un altro corso certamente altrettanto valido, ma che avrei raggiunto con un pipposissimo pulman o due treni in ben 5 ore. A Cagliari arrivo in un’ora di aereo.

Devo però confessare che…io dell’aereo ho una fifa blu! Ebbene si. Fino a una decina di anni fa rifiutavo categoricamente di prenderlo. Poi l’ho preso, con l’aiuto di due vodka martini a stomaco vuoto, e durante il volo cantavo, con il mio fidanzato accanto a me che si sbellicava dalle risate e gli ignari viaggiatori che mi guardavano con aria perplessa. Io, stonatissima, intonavo Guccini e De Andrè, e mi chiedevo tra i fumi dell’alcol cosa mai avessero tutti da guardare. Domani niente vodka martini, che alle 8 del mattino mi sa che non ce la posso fare, non sono più la tigrotta alcolizzata di un tempo. E poi insomma, aerei ormai ne ho presi tanti e avrò la zampetta arrogante di Amleto da stringere.

Quindi in definitiva, io non amo volare, ma come dice Mariangela, la mia guru dell’escursionismo e dell’esistenza, è un’ottima ginnastica mentale. E di ginnastiche mentali si ha bisogno sempre, e mi piace che anche il viaggio per raggiungere la mia destinazione lo sia. E mi piace tornare ad essere allieva, perchè c’è sempre bisogno di imparare, c’è sempre bisogno di confrontarsi e aprirsi. E intanto i miei Librotrekking continuano ad espandersi, le collaborazioni aumentano, arrivano suggerimenti, richieste, complimenti e anche critiche, che mi aiutano a migliorarmi. Mi sento sempre più sicura, a dispetto delle mie insicurezze, che sfido continuamente. Più di tutto, temo la noia e l’autoreferenzialità. E l’aereo, porca paletta.

Tra due domeniche Madame Bovary a monte Fogliano!

Fine settimana al bosco del Sasseto con Jane Austen

A Pasqua si va a Ponza!

Annunci

One Comment Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...